L’isola pancreatica nel diabete tipo 1 Meccanismi di regolazione morfo-funzionali della cellula beta

Laura Nigi, Guido Sebastiani, Francesca Mancarella, Francesco Dotta

U.O.C. Diabetologia, Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze,
Università degli Studi di Siena; Fondazione Umberto Di Mario ONLUS – Toscana Life Science Park, Siena

Introduzione

Il diabete tipo 1 (DM1) è una malattia autoimmune cronica che si sviluppa in individui geneticamente predisposti e caratterizzata dalla distruzione delle cellule beta pancreatiche da parte del sistema immunitario (1). La patogenesi del DM1 è multifattoriale, rappresentando il risultato dell’interazione tra predisposizione genetica, fattori ambientali e sistema immunitario. Quest’ultimo partecipa alla progressiva distruzione e disfunzione delle beta-cellule pancreatiche con il coinvolgimento di linfociti T (CD4 e CD8-citotossici) e di citochine pro-infiammatorie (es.: Interferone-gamma, Interleuchina-1, TNF-alfa) che possono indurre sia apoptosi sia danno funzionale a carico delle cellule insulino-secernenti.

La perdita della tolleranza immunitaria nei confronti della beta-cellula, caratteristica del DM1, è evidenziata dalla presenza di autoanticorpi circolanti diretti contro antigeni beta-cellulari, sia di natura proteica (2) che glicolipidica (3). Infatti, alla diagnosi di DM1, i pazienti presentano autoanticorpi circolanti (AAbs) contro antigeni delle cellule insulari, che possono peraltro precedere di molti anni l’esordio della malattia e sono quindi utilizzati come markers per l’identificazione dei soggetti a rischio di sviluppare DM1 (4). Gli autoanticorpi circolanti diretti contro antigeni insulari, quali l’insulina, l’isoforma 65-kDa della decarbossilasi dell’acido glutammico (GAD), la tirosina fosfatasi IA-2 e il trasportatore cationico dello zinco nelle beta-cellule (ZnT8) sono i principali indicatori del processo autoimmune che precede ed accompagna l’insorgenza del DM1.

Tuttavia, i suddetti autoanticorpi, pur rappresentando i migliori markers di autoimmunità insulare attualmente disponibili, non rivestono un particolare significato patogenetico dal momento che non partecipano direttamente al danno beta-cellulare. Infatti, quest’ultimo è mediato da linfociti T citotossici e da macrofagi, con la partecipazione di citochine pro-infiammatorie.

FAD ECM “IL DIABETE”
Questa rassegna fa parte di un percorso di formazione a distanza accreditato a livello nazionale e disponibile gratuitamente nell’aula virtuale della SID (http://www.fad.siditalia.it).
Per partecipare al corso occorre:
1. Leggere la rassegna (disponibile anche on-line)
2. registrarsi all’aula e iscriversi al corso “il Diabete”
3. rispondere on-line al quiz di verifica e compilare il questionario di valutazione dell’evento FAD.
Una volta eseguito con successo il test di valutazione e compilato il questionario di valutazione dell’evento, sarà cura della Segreteria ECM della SID far pervenire l’attestato ECM del corso ai diretti inte- ressati nei tempi e nelle modalità stabiliti dalla regolamentazione vigente.
Per ulteriori informazioni: http://www.fad.siditalia.it


I contenuti de il Diabete sono accessibili solo a Soci SID e Abbonati.
Se sei socio accedi direttamente dal sito SID www.siditalia.it eseguendo questi passaggi:
- effettua il login al sito SID
- vai alla sezione "Formazione"
- clicca il link "Rivista il Diabete" in basso a sinistra

Se sei abbonato inserisci qui le tue credenziali
:
:
Content Protected by SmartLogix
Per qualsiasi problema ti invitiamo a contattarci al numero 051/232882 se sei un abbonato, o a contattare SID Italia se sei un socio SID.